Attualità

Covid, adesso sono 4 le Regioni a rischio alto

Covid, sono 4 le Regioni ad alto rischio dopo l’ultimo report dell’Iss. Nel frattempo in tutto il Paese l’indice Rt torna sotto la soglia dell’1, nello specifico a 0,97 e anche l’incidenza è diminuita rispetto all’inizio dell’anno.

La bozza del report di monitoraggio parla chiaramente e mostra le Regioni che sono ad alto rischio di cambiare colore e andare incontro a misure più restrittive. Il ministero della Salute e gli esperti dell’Iss hanno dichiarato che l’epidemia si trova ancora in una fase molto delicata.

Covid: le quattro Regioni a rischio alto

È necessario quindi continuare a rispettare le misure restrittive e se necessario, rafforzarle ancora di più. Dopo il nuovo report quindi non sono più 11, come la settimana scorsa, le Regioni a rischio. Ma quattro. Secondo Fanpage si tratta della Provincia autonoma di Bolzano (Rt 1,03), della Sardegna (Rt 0,95), della Sicilia (Rt a 1,27) e dell’Umbria (Rt 1,05).

Come ben sappiamo non basta solo il valore Rt a determinare la fascia, ma bisogna considerare anche l’incidenza e la pressione ospedaliera di ogni Regione. L’ultimo Dpcm (che resterà in vigore fino a 5 marzo), ha stabilito che per passare in zona arancione l’indice Rt deve essere superiore a 1. Mentre per la zona rossa superiore a 1,25.

La Sardegna ha un Rt inferiore a 1, ma un livello di rischio considerato alto. Proprio per questo motivo rischia ora di finire in zona arancione.

Come dicevamo sono quindi quattro le Regioni che potrebbero cambiare fascia. Le altre Regioni gialle invece resteranno dove sono perché è necessario valutare i dati di almeno due settimane prima di andare incontro a meno limitazioni.

Di seguito vi mostriamo i singoli valori delle Regioni:

Abruzzo: 1,05
Basilicata: 1,12
Calabria: 1,02
Campania: 0,76
Emilia Romagna: 0,97
Friuli Venezia Giulia: 0,88
Lazio: 0,94
Liguria: 0,99
Lombardia: 0,82
Marche: 0,98
Molise: 1,38
Piemonte: 1,04
Bolzano: 1,03
Trento: 0,9
Puglia: 1,08
Sardegna 0,95
Sicilia: 1,27
Toscana: 0,98
Umbria: 1,05
Valle d’Aosta: 1,12
Veneto: 0,81

Nel frattempo in Spagna: In Spagna arrivano i negazionisti della neve: “È plastica”

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button