Attualità

Covid, 3 Regioni in zona rossa e 9 in zona arancione

Covid, da domenica, alcune Regioni cambieranno zona. Il nuovo Dpcm è entrato in vigore e sarà valido fino al 5 marzo. Con il suo arrivo sono cambiati i criteri per l’entrata nelle varie zone gialle, arancioni e rosse. Da domenica quindi saranno tre le zone ad entrare in fascia rossa.

Lombardia, Sicilia e provincia di Bolzano andranno in zona rossa, mentre in arancione entreranno Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, Umbria e Valle D’Aosta. Restano in area arancione Calabria, Emilia-Romagna e Veneto. Mentre in gialla rimangono Campania, Sardegna, Basilicata, Toscana, Provincia Autonoma di Trento, Molise.

Covid: le Regioni che cambiano zona

Come riporta Quotidiano.Net i governatori delle Regioni non hanno preso bene la novità. Attilio Fontana, il presidente della Lombardia ha dichiarato di essere pronto a fare ricorso contro la zona rossa. Il governatore ha infatti affermato che negli ultimi 15 giorni, nella sua Regione, la situazione è migliorata al punto da poter essere classificata in zona arancione.

In disaccordo anche la provincia autonoma di Bolzano. Che ha affermato:

“L’Alto Adige resterà nel regime attuale e l’ordinanza che firmerò stasera sarà da zona gialla. Al ministro Speranza con il quale il dialogo prosegue, ho chiesto di rivedere la classificazione. Impugnazione dell’ordinanza? La affronteremo ma la nostra strategia e quella di effettuare tamponi”.

Roberto Speranza, il ministro della Salute ha invece spiegato che le ordinanze sono il frutto di dati oggettivi e scientifici. E che il loro scopo è di contenere il contagio in una fase particolarmente “espansiva” dell’epidemia.

Nel frattempo nella giornata di ieri l’Iss ha pubblicato il report con il monitoraggio settimanale delle singole regioni. Al momento nessuna Regione ha i requisiti necessari per entrare in fascia bianca, ovvero quella che equivale a un ritorno alla semi normalità.

In Lombardia intanto: Milano, il proprietario di un negozio vieta l’ingresso alle persone vaccinate di recente

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button