Attualità

Coronavirus e scuole, sembra certa la proroga della chiusura dopo il 3 Aprile

Coronavirus e scuole, uno dei dubbi più grandi che affligge tantissimi genitori in tutta Italia. Riapriranno oppure l’anno scolastico termina così? Il sunto della situazione lo fa la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina.

Come rivela Sky TG24, la ministra è intervenuta sulla Rai nel programma “La vita in diretta”, parlando delle misure che il suo dicastero ha preso per contrastare la gravissima emergenza sanitaria che ha colpito l’Italia e il mondo intero.

Coronavirus e scuole: quasi certo che andremo oltre il 3 aprile

La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha affermato che la data del 3 aprile sarà sicuramente prorogata. Gli studenti torneranno a scuola quando il Governo sarà sicurissimo che non correranno alcun pericolo.

L’Azzolina ha inoltre dichiarato che le voci che si rincorrono sulla didattica a luglio non hanno alcun fondamento. E questo perché significherebbe che il personale scolastico non stia al momento lavorando.

La didattica a distanza sta dando i suoi frutti, inoltre le strutture scolastiche non sono idonee per rimanere aperte nei mesi di luglio e agosto. La ministra ha affermato che:

“Scenari troppo oltre sono irresponsabili, bisogna guardare gli scenari attuali e poi assumere decisioni”

Secondo il ministro il suo dicastero sta vagliando varie decisioni sulla base di quando e se soprattutto, si tornerà a scuola. Coloro che avranno bisogno di recuperare avranno la possibilità di farlo.

Azzolina conta molto sul fatto che ogni insegnante conosce i propri studenti. Soprattutto se si parla di quelli che hanno già affrontato i primi 4 anni delle superiori. In questo caso i docenti avranno tutte le carte in mano per valutarli nel migliore dei modi.

Il ministro dell’Istruzione ha inoltre affermato di non aver mai rilasciato dichiarazioni in merito all’ammissione con il 5. Anzi invita tutti a seguire esclusivamente le fonti ufficiali.

Famiglie e insegnanti stanno facendo un lavoro titanico in una situazione complessa e problematica, considerando che la rete non funziona tanto bene.

Il ministro dell’Istruzione ha concluso il suo intervento parlando dell’esame di Stato e di terza media. Ha dichiarato che il ministero sta al momento lavorando per organizzare degli esami che tengano conto della difficile situazione che tutti gli studenti stanno vivendo.

Nei prossimi giorni ci saranno ulteriori e più precise informazioni. Un altro interessante aggiornamento sugli spostamenti necessari: Coronavirus, lo scontrino va conservato davvero? Tutta la verità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button