Attualità

Coronavirus, le regioni a rischio “zona rossa” e “arancione”

Emergenza Coronavirus, dopo l’ultimo Dpcm che ha diviso l’Italia in zone, adesso ci sono alcune regioni che rischiano di diventare zona rossa o arancione. L’ultimo Dpcm è ormai in vigore da 3 giorni, ma i numeri sui contagi continuano a preoccupare e il Governo è pronto a correre alle strette.

Potrebbero arrivare infatti novità per quanto riguarda la suddivisione a zone dell’Italia. Le regioni del nostro paese sono divise in tre zone: zona gialla, zona arancione e zona rossa, dalla zona meno a rischio a quella in cui la situazione è più preoccupante.

Ognuna delle 3 zone ha misure di restrizione più o meno severe. Nelle zone rosse c’è una sorta di lockdown, mentre in quelle gialle la situazione è un pochino più leggera. Ma come detto il semaforo delle regioni è pronto a cambiare e in queste ore ci sono alcune sorvegliate speciali. Vediamo insieme le possibili novità.

Coronavirus, ecco le regioni che da lunedì sono a rischio “zona rossa” (o arancione)

Il semaforo potrebbe cambiare e ci sono alcune sorvegliate speciali nel mirino della cabina di regia del Covid. In particolare parliamo di Toscana, Campania, Umbria, Liguria, Veneto, Emilia Romagna e provincia autonoma di Bolzano.

Secondo quanto riportato sulla Repubblica, infatti, in queste regioni l’attenzione è attualmente molto alta. Al momento si trovano in zona gialla, ma c’è il forte rischio che possano arrivare in zona arancione (alcune addirittura rosse) già a partire da domani.

Al momento le regioni che si trovano nella zona arancione sono la Sicilia e la Puglia, ma sembra che Roberto Speranza sia pronto ad allungare la lista delle regioni arancioni. I dati infatti parlano chiaro. In Liguria i posti in terapia intensiva occupati sono passati da 17% al 42%. In Toscana e in Emilia Romagna negli ultimi giorni l’indice Rt si è alzato ulteriormente. La Liguria potrebbe addirittura passare direttamente in zona rossa, così come la Campania. In attesa di ulteriori novità, ecco tutto ciò che c’è da sapere sulle regole delle tre zone.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button