Attualità

Coronavirus, in quanti si può viaggiare in macchina?

Coronavirus, in quanti si piò viaggiare in macchina dopo il nuovo Dpcm? Una domanda legittima, che in molti si stanno facendo e che trova la risposta fra le pagine degli allegati del decreto pubblicato pochi giorni fa.

Vediamo quindi come dobbiamo comportarci fino al 3 dicembre quando viaggiamo nella stessa macchina con persone che non fanno parte del proprio nucleo familiare. In linea di massima valgono le stesse regole del trasporto pubblico.

Coronavirus e nuovo Dpcm: in quanti si può viaggiare in macchina?

Per quanto riguarda i conviventi con l’entrata del nuovo Dpcm non cambia assolutamente niente. Le persone che vivono sotto lo stesso tetto possono infatti continuare a spostarsi tutti insieme. Per quanto riguarda il numero di passeggeri vale quindi l’omologazione dell’automobile.

Attenzione, perché tale regola vale non a livello famigliare ma di convivenza. Fra i passeggeri che possono viaggiare nella stessa macchina non deve infatti esserci necessariamente nessun vincolo familiare. Basta solamente che convivano nella stessa abitazione.

E per quanto riguarda gli amici? Il nuovo decreto prevede che anche i non conviventi possano viaggiare nella stessa automobile a patto, però, che venga rispettato il distanziamento. In una macchina da 5 posti si potrà quindi viaggiare in 3. Mascherina obbligatoria per tutti, con i passeggeri accomodati nei posti dietro.

Come dicevamo nel caso in cui non si viaggi con conviventi bisognerà indossare la mascherina per tutta la durata del viaggio. Obbligo che cade solamente nel caso in cui in automobile siano presenti persone appartenenti allo stesso nucleo familiare.

Nel caso in cui si venga trovati senza la mascherina indossata si può incorrere in una multa che va dai 400 ai 1000 euro. Si tratta di misure già note, perché presenti nei decreti firmati dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte durante la prima ondata di Coronavirus.

Ecco altre info utili: Nuovo Dpmc, ecco quando serve l’autocertificazione

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button