Attualità

Coronavirus, nuovo decreto in arrivo? Estensione dei divieti e multe più salate

Alle ore 14.00 di oggi 24 Marzo si è riunito il Consiglio dei Ministri probabilmente per valutare un nuovo decreto Coronavirus. La situazione nel nostro paese (e nel mondo in generale) si fa sempre più complicata e l’emergenza continua a tenere sotto scacco tutto l’Italia.

Di giorno in giorno si valutano i risultati ottenuti, i miglioramenti e purtroppo in molti casi i peggioramenti. Il Consiglio dei Ministri lavora notte e giorno per stilare le misure di contenimento più idonee, con i decreti che si susseguono uno dopo l’altro. E con le restrizioni che, ovviamente, si fanno sempre più severe.

C’era da aspettarselo: con il tempo la situazione dovrebbe migliorare, ma questo è il momento di stringere i denti più che mai. Come detto il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi alle 14.00 per provare a stilare una bozza di quello che potrebbe essere il nuovo decreto delle prossime ore. Vediamo insieme di che cosa si tratta.

Coronavirus, potrebbe arrivare un nuovo decreto: ecco di che si tratta

Il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi pomeriggio con un duplice obietivo. Da una parte c’era la volontà di trovare misure più efficaci per costringere i cittadini a restare a casa. Inutile dirlo, ma purtroppo c’è ancora chi non ha capito l’importanza del nostro compito e della nostra responsabilità.

Dall’altra lo scopo era quello di provare a mettere una pezza nello scontro tra governo e regioni per quanto riguarda le misure da adottare per combattere il contagio del Covid-19. Nel primo caso, si è pensato ad un inasprimento delle multe.

L’ipotesi è quella di multare le persone che non rispettano le misure restrittive fino a 4mila euro. Un deterrente, questo, che potrebbe aiutare nella lotta all’incoscienza. Dall’altro lato sembra che l’ipotesi più accreditata sia quella di concedere la possibilità di emettere ordinanze restrittive fino a 30 giorni da qui al 31 Luglio.

In pratica l’idea è quella di estendere le misure restrittive di 30 giorni in 30 giorni fino ad Agosto, valutando di volta in volta i miglioramenti oppure gli scongiurati peggioramenti. Al momenti come ricorda Repubblica si tratta ancora di un’ipotesi. Restiamo dunque in attesa di un decreto ufficiale. Nel frattempo vi ricordiamo che è cambiata ancora l’autocertificazione per il Coronavirus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button