Coronavirus, nuovo decreto: chiusura prorogata fino al 13 Aprile

C’era da aspettarselo e il nuovo decreto Coronavirus è arrivato. Da giorni si parlava di questa eventualità, che più che una possibilità sembrava essere sempre di più una certezza. E la diretta del Presidente del Consiglio che si è conclusa alcuni minuti fa è stata la conferma.

In diretta su Facebook il Premier ha annunciato il nuovo decreto Coronavirus, rendendo realtà l’ipotesi che da giorni aleggiava sulle varie notizie di giornali e Social Network. La chiusura è stata prorogata. L’ultimo decreto aveva sancito la chiusura di attività e simili fino al 3 Aprile. Ma le notizie degli ultimi giorni non lasciavano ben sperare, con morti e contagi che non sono affatto diminuiti. Ma vediamo insieme che cosa ha dichiarato il Premier Giuseppe Conte.

Coronavirus, nuovo decreto: tutto ciò che c’è da sapere

La diretta del Premier Giuseppe Conte si è conclusa poco minuti fa. La notizia che tutti aspettavamo con ansia e speranza è arrivata. Nuova proroga della chiusura totale, spostata dal 3 Aprile fino al 13 dello stesso mese.

Come detto la situazione sembrava già necessitare questa proroga e alla fine è arrivata la conferma. Già alcuni giorni fa vi avevamo dato la notizia che riguardava il Coronavirus e le scuole, con la proroga della chiusura oltre il 3 Aprile che sembrava molto più che un’ipotesi.

Il Covid-19 ci costringe ormai da molti giorni a casa, con le nostre vite che sono state rivoluzionate da un giorno all’altro. Il Governo ci chiede un ulteriore sforzo, uno sforzo che ognuno di noi è in dovere di fare. Solo così, purtroppo, riusciremo ad uscire da questa situazione di emergenza che ha stravolto il nostro paese e il mondo intero.

Conte stesso ha ricordato l’importanza del nostro impegno. Ha affermato che i risultati delle restrizioni si iniziano a vedere, ma che non è ancora arrivato il momento di mollare la presa.

E proprio per questo, noi ci sentiamo di concludere come sempre, ovvero con l’invito a restare a casa. Cerchiamo di non vanificare gli sforzi fatti finora e tutto ciò che di buono abbiamo fatto. Per il nostro bene, per quello dei nostri cari e per rispetto di tutti coloro che in questi giorni stanno lavorando per riuscire a superare questa emergenza sanitaria.

} ?>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *