Attualità

Il Comune di Ferrara contro la violenza sulle donne: la gaffe crea polemica

Il post del Comune di Ferrara riferito alla violenza contro le donne ha scatenato non poche polemiche. Al punto che l’amministrazione leghista ha deciso di pubblicare un chiarimento in merito a una frase, che secondo loro è stata travisata.

Nel post incriminato si può leggere che “Se sei ubriaca sei in parte responsabile dello stupro”. Una frase orribile e scioccante che nella seguente pagina è accompagnata da un dato Istat: “purtroppo lo pensa il 15% degli italiani“.

Il Comune di Ferrara si difende dopo il post sulla violenza delle donne

Solo in questi 9 mesi del 2020, ci sono stati ben 49 casi di femminicidio in Italia. La violenza sulle donne, fisica e psicologica è un problema sempre più attuale e drammatico. Non c’è quindi da stupirsi se il manifesto della campagna del Comune di Ferrara abbia provocato tante reazioni indignate e disgustate.

L’immagine equivoca è stata postata su Facebook dal Comune emiliano e in poco tempo si è guadagnato una serie di reazioni che non lasciano dubbi. Fra i commenti si può leggere un malumore crescente che condanna fermamente il manifesto.

https://www.instagram.com/p/CFhe4ARK6N3/

Che poteva essere pensato in una maniera decisamente diversa. Le critiche non si sono placate nemmeno quando sono arrivate le spiegazioni dell’amministrazione comunale. Che in tutta fretta ha affermato di essere contro ogni forma di violenza sulle donne.

Il Comune ha dichiarato che il disgustoso virgolettato è riferito esclusivamente a una frase, che secondo l’Istat, pensa il 15% degli italiani. Una percentuale spaventosamente alta. Il Comune ci ha inoltre tenuto a precisare che né la città di Ferrara e né i partner che hanno partecipato al progetto sono rispecchiati da questo pensiero.

Successivamente sono arrivate anche le scuse del sindaco leghista Alan Fabbri, che si è scusato per aver urtato la sensibilità dei cittadino veicolando un messaggio controverso.

Nel frattempo in Campania: Avellino, classi divise in alunni “bravi” e “meno bravi”

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button