Attualità

Cesena, don Paolo rilancia la fake news sui vaccini: «Realizzati con feti vivi abortiti» (video)

Il video di Don Paolo che a Cesena rilancia la solita fake news sui vaccini non è passato inosservato e ha provocato feroci e legittime polemiche. Il parroco di San Rocco, San Paolo e Santa Maria della Speranza non è certamente un novellino in fatto di polemiche e di controversie.

Questa volta la sua attenzione è tutta sui vaccini, che secondo lui contengono feti abortiti. Si tratta di una teoria più volte smentita dalle autorità ma che ogni tanto ritorna in circolazione.

Don Paolo provoca polemiche a Cesena: il video shock

Non sono passate inosservate le sue assurde parole durante l’omelia di domenica a San Rocco:

“Aziende statali o privati che farebbero ingravidare donne per farle abortire al quarto o quinto mese per asportare loro il feto vivo e usarne gli organi per la sperimentazione dai vaccini anti-Covid“.

Il video poi è finito online ed è diventato in breve tempo virale dopo essere stato postato proprio sulla pagina Facebook della parrocchia. Subito dopo lo scoppio delle polemiche Don Paolo ha rifiutato di replicare e ha deciso di non rispondere alle telefonate ricevute.

Nel frattempo la Diocesi di Cesena-Sarsina ha dichiarato che si tratta di opinioni personali espresse in un contesto molto articolato.

“Sui vaccini la posizione è quella espressa dal magistero e dall’esempio di papa Francesco, dalle Congregazioni vaticane e dalla Cei”.

Non si sono fatte attendere le dichiarazioni dell’assessore regionale alla Sanità, Raffaele Donini che ha parlato di “delirio imperdonabile“.  Ma anche fra tanti parrocchiani non sono mancate dichiarazioni che vanno nella direzione opposta a quelle del loro parroco.

Alcuni di loro, pur riconoscendo nel parroco una guida, hanno deciso di prendere le distanze dalle sue folli dichiarazioni. Se vi siete persi il video, potete guardarlo nel successivo paragrafo.

 

Nel frattempo: Quando il Covid diventerà come l’influenza grazie ai vaccini? La data

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button