Curiosità

Cercasi Chef per la regina Elisabetta: ma quanto si guadagna? Tutte le info

Ancora a parlare di lavori dei sogni, perché da qualche tempo si sta cercando uno Chef per la Regina Elisabetta. Avete capito bene, si è liberato un posto nelle cucine di Buckingham Palace e potresti essere proprio tu il prossimo cuoco della famiglia reale.

La notizia sembra essere ormai ufficiale e le iscrizioni sono aperte da qualche giorno. Se siete interessati, ecco tutte le informazioni utili riguardo a requisiti, mansioni e ovviamente stipendio.

Chef per la regina Elisabetta: tutte le informazioni

Adori fare lo chef e, perché no, adori anche un po’ il mondo dei reali inglesi? Allora quello di oggi potrebbe essere proprio il lavoro dei tuoi sogni.

Vi abbiamo già parlato dell’annuncio di lavoro dell’Ikea che cerca un dormiglione professionista e questa volta il lavoro dei sogni cambia completamente settore. Non si cerca qualcuno che sappia dormire, si cerca qualcuno che sappia cucinare.

Ovviamente, lo Chef per la Regina Elisabetta non dovrà essere proprio il primo appassionato di cucina che passa. Si ricerca un cuoco valido, con esperienza e anche grande capacità.

La domanda cerca un candidato di alto livello, che sappia cucinare un grandissimo numeri di piatti e che sia, ovviamente, aggiornato con i tempi. In particolare si cerca un Demi Chef de Partie, ovvero un cuoco che si occupi di un settore particolare della cucina.

Inutile dirlo, ma l’ambizione e la professionalità sono al primo posto dei requisiti richiesti. In fin dei conti, fare il cuoco per la Regina Elisabetta non è certo un lavoro come un altro.

Ma parliamo di cose serie: quanto si guadagna? Il lavoro si svolgerà solo 5 giorni a settimana, dal Lunedì al Venerdì. Ovviamente la sede sarà Buckingham Palace, anche se è richiesta la disponibilità agli spostamenti.

Il tutto, per 22 mila sterline all’anno che, tradotte nella nostra moneta, sono circa 2mila Euro al mese. Insomma, forse è meglio fare l’assaggiatore di biscotti per 2340 Euro a settimana.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button