Attualità

Cade dalle scale mentre è in smart working, per l’Inail è infortunio sul lavoro

Cade dalle scale mentre è in smart working e viene risarcita con 20 mila Euro: per l'Inail è infortunio sul lavoro

Una donna cade dalla scale mentre è in smart working e l’Inail le riconosce l’infortunio sul lavoro. È la prima volta che succede nel nostro paese e la notizia ha fatto in pochissimo tempo il giro del web.

La sfortunata protagonista della vicenda è una donna di 50 anni che lavora come impiegata amministrativa di un’azienda metalmeccanica. Al momento dell’incidente, la donna stava lavorando da casa, come molti di noi hanno dovuto fare in questo anno di Pandemia.

A fare la differenza è stato il fatto che la donna sia caduta mentre era al telefono con una collega. Vediamo insieme che cosa è successo e come si è arrivati alla decisione di risarcimento come infortunio sul lavoro.

Mentre lavora in smart working cade dalle scale e l’Inail le riconosce l’infortunio sul lavoro

L’incidente è avvenuto lo scorso settembre. Durante l’orario di lavoro, la donna ha chiamato al telefono una sua collega e durante questa telefonata è caduta dalle scale di casa sua. Si è recata immediatamente al pronto soccorso, dove i medici le hanno diagnosticato diverse fratture.

Arrivata al ps, la donna ha raccontato ciò che era successo e in automatico è partita la segnalazione all’Inail. All’inizio, l’Inail non ha accettato la correlazione tra l’incidente e le mansioni lavorative, rifiutando il risarcimento per infortunio sul lavoro.

La donna si è quindi recata alla Cgil, dove sono riusciti a riconoscere un nesso tra infortunio e lavoro. La Responsabile del settore tutela della salute della Cgil, Valentina Dalle Feste, ha dichiarato:

A fare la differenza è stato l’essere caduta telefonando a una collega con il telefono di lavoro. È la prima volta che viene riconosciuto un infortunio sul posto di lavoro in modalità smartworking. Il ricorso che abbiamo presentato sta facendo scuola. L’Inail ha riconosciuto un nesso di causalità, dimostrando un atteggiamento di grande disponibilità. Questo precedente adesso farà diritto.

A proposito di smarto working e emergenza sanitaria, ecco quali sono le Regioni che possono sperare di passare in zona gialla il prossimo 26 Aprile.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button