Attualità

Bollo auto e multe, il Decreto Sostegno annulla le cartelle esattoriali

Il decreto Sostegno porta buone notizie a chi non ha pagato il bollo auto e alcune multe. Vediamo tutte le novità a cui il Governo sta lavorando.

Come già anticipato qualche giorno fa non si parla più di ristori ma di sostegno a chiunque abbia una Partita Iva. L’obiettivo principale è di sostenere le famiglie e le imprese più in sofferenza a causa della pandemia.

Il decreto sostegno, il bollo auto e le multe: cosa c’è da sapere

Come riporta Trend Online, sono tante le cartelle esattoriali custodite dall’Agenzia delle Entrate, così come sono tanti gli italiani che non hanno pagato entro i termini il bollo auto e le multe stradali. Il Governo ha deciso di non affaticare i conti degli italiani e starebbe pensando a una pace fiscale. Che potrebbe partire da giugno.

Le protagoniste sono le cartelle con un valore fino a 5.000 euro emesse dal 2015 in poi. Ma cosa significa pace fiscale? Significa che coloro che non hanno pagato il bollo auto e le multe emesse dal 2015 si vedranno annullato il proprio debito.

C’è già un precedente introdotto dal decreto legge n°119 del 2018 che prevede:

“I debiti di importo residuo, alla data di entrata in vigore  del presente  decreto,  fino  a  mille  euro,  comprensivo  di  capitale, interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzioni, risultanti dai singoli carichi affidati agli agenti della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2010, ancorchè riferiti alle cartelle per le quali è già intervenuta la richiesta di cui  all’articolo 3, sono automaticamente annullati”.

Con questo decreto furono annullate e cancellate le cartelle esattoriali di multe e bollo auto non pagate. Ma solo quelle emesse nel decennio 2000/2010 e di importo inferiore a 1000 euro. Coloro che non hanno pagato il bollo negli ultimi anni saranno felici di sapere che il loro debito verrà presto cancellato.

E a proposito del Decreto Sostegno: Arriva il Decreto Sostegno per allargare la platea di beneficiari

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button