Fibromialgia, quel dolore che ti distrugge in silenzio

La fibromialgia è una sindrome reumatica che causa un aumento della tensione muscolare, causando di conseguenza dolore agli stessi muscoli, ai tendini e ai legamenti.

Ad oggi purtroppo è una malattia subdola, poco riconosciuta dalla società e chi ne è colpito molto spesso soffre in silenzio. Sono tantissime, infatti, le persone che soffrono di questa malattia senza neanche saperlo.

Fibromialgia: conosciamo la malattia di cui si soffre in silenzio

Secondo l’Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità) il 90% dei malati di fibromialgia appartengono al sesso femminile, in minor numero ne soffrono quindi anche gli uomini.

Lady Gaga la nota cantante, che ha recentemente confessato di soffrire di questa subdola malattia, ha affermato che la fibromialgia è una malattia invisibile che non lascia segni.

Non è facilmente riconoscibile ma non per questo vuol dire che non produca dolore nelle persone che ne sono affette. I pazienti dichiarano di vivere una condizione sofferente che non permette loro di vivere la propria vita in maniera normale.

Il reumatologo dell’Ospedale Sacco di Milano l’ha definita “il dolore del corpo e dell’anima” della società contemporanea, le cui cause appaiono  difficilmente inquadrabili. Ma quali sono i sintomi di questa subdola malattia?

Ci sono tutta una serie di sintomi fisici e psichici particolarmente debilitanti e invalidanti da non permettere a chi ne è affetto di condurre una vita normale.

Fra i fattori scatenanti secondo gli esperti ci sono lo stress e lo stile di vita caotico. Al giorno d’oggi le donne trascorrono le giornate cadenzate di impegni correndo da una parte all’altra, con in più il peso della casa, della famiglia e del lavoro sulle spalle. E sono proprio tutte questa responsabilità la causa scatenante della malattia.

A causa dell’aumento dei casi, l’Assessorato regionale della regione Emilia Romagna ha provveduto a stendere un protocollo nel quale la fibromialgia viene riconosciuta come malattia. L’obiettivo è quello di permettere a chi di dovere di organizzare i trattamenti per contrastarla.

Ad oggi purtroppo non resistono rimedi per combatterla definitivamente. Si va dagli interventi per ridurne gli effetti ai farmaci e alle terapie psicologiche.

Nella fibromialgia il cervello va in tilt, riconoscendo come stimoli dolorosi anche quelli che in realtà non lo sono. I consigli medici più gettonati sono quelli che riguardano lo stile di vita, l’alimentazione che prevede la riduzione di glutine e zuccheri, il sonno e l’attività fisica.

Ma soprattutto occorre imparare ad amare di più sé stessi, a sorridere di più e a prendere la vita con più leggerezza.

 

(Visited 8.131 times, 1 visits today)
} ?>

2 pensieri riguardo “Fibromialgia, quel dolore che ti distrugge in silenzio

  • Maggio 29, 2019 in 3:24 pm
    Permalink

    Proprio così, la causa scatenante è lo stress ed i troppi impegni che mandano in tilt il tuo sistema immunitario.
    Convivere con il dolore cronico in ogni parte del corpo non è facile e non semplice,ma devi imparare a conviverci se vuoi sopravvivere.
    Sono testimonianza di fibromialgia da circa 20 anni ed è stata una via crucis di medici,fisioterapisti, cure termali, provato di tutto di più per poter alleviare il dolore.
    Mirella

    Risposta
  • Luglio 8, 2019 in 12:42 pm
    Permalink

    Io recentemente ho cominciato a pensare di soffrirne. Sono sempre piena di dolori, mi sento perennemente stanca perché la notte dormo poco e male. Soffro di mal di testa da tutta la vita e da fine marzo sono in malattia per sindrome ansiosa depressiva legata all’ambiente e allo stress lavorativo. Inoltre negli ultimi mesi l’intestino mi da problemi e ho iniziato a soffrire di candida mai avuta in vita mia. Ho chiesto al mio medico di base se era il caso di farmi gli esami del sangue per gli antigeni,ma mi ha detto che sono molto costosi e danno quasi sempre esito negativo. Qualcuno a cui è stata diagnosticata ha i miei stessi sintomi?

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *