Attualità

Bebe Vio trovata in un bar dopo le 18: scatta la multa

Bebe Vio è stata multata il 29 novembre scorso dopo che le forze dell’ordine l’hanno trovata in un locale oltre l’orario di chiusura. La giovane campionessa era in compagnia del papà e di altri ragazzi. A far partire la segnalazione un gruppo di residenti che ha allertato le autorità.

L’episodio ha scatenato diverse polemiche in rete, che non accennano a placarsi nemmeno dopo l’arrivo delle scuse della campionessa. Bebe, il cui vero nome è Beatrice Maria Adelaide Marzia è la campionessa mondiale ed europea di fioretto individuale paralimpico.

Polemiche in corso per Bebe Vio

L’orario della chiusura dei locali era già scattato, ma non per Bebe Vio e un gruppo di amici che si trovavano in un locale situato nel pieno centro di Mogliano Veneto, la città natale della campionessa. Alcuni residenti dopo aver notato il gruppetto hanno deciso di chiamare le forze dell’ordine.

Che all’arrivo hanno multato la campionessa, il papà e gli altri presenti. Al locale invece è andata peggio, perché oltre alla multa dovrà rimanere chiuso per almeno 5 giorni. Bebe Vio e i suoi amici erano seduti al bancone sena rispettare il distanziamento. Insieme a lei anche il papà. Entrambi hanno ricevuto una multa di 400 euro, che a quanto dichiarato da loro stessi hanno già pagato.

Secondo alcune fonti, al locale erano in corso i festeggiamenti del compleanno del papà della campionessa. Che invece ha fornito una spiegazione diversa. Nelle scorse ore Bebe, travolta dalle critiche, ha raccontato di trovarsi nel locale per salutare la cameriera. Una sua vecchia amica d’infanzia che non vedeva da molti anni.

“Mi sono fermata dopo l’orario di chiusura mentre lei sparecchiava. Ho trasgredito la legge, ma non c’era altra gente dove ero io. Mi sta cercando  il mondo intero, tutto questo risalto ma non ho ucciso nessuno”, ha affermato la campionessa.

E a proposito di polemiche: Laura Pausini su Maradona: “Fa più notizia la morte di un uomo poco apprezzabile che la violenza sulle donne”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button