Curiosità

L’anno peggiore di sempre è il 536 secondo gli storici

Secondo gli storici l’anno peggiore di sempre è stato il 536 dopo Cristo. Se invece siete fermamente convinti che questo 2020 meriti di vincere il premio come peggior anno di sempre tenetevi pronti a ricredervi. Ma cosa era successo nel 536 dopo Cristo di così brutto?

Innanzitutto il Medioevo era cominciato da poco e secondo gli storici gli eventi che si verificarono in quell’anno possono solo far impallidire il 2020, un anno che certamente non dimenticheremo così facilmente.

L’anno peggiore di sempre non è il 2020 ma il 536 dopo Cristo

Il 2020 è iniziato con l’Australia flagellata da terribili e implacabili incendi, con la minaccia di una terza guerra mondiale e con una pandemia che ancora oggi non accenna a placarsi. E se pensate che questo sia il peggio che un anno potrebbe riservarci, aspettate di leggere cosa ha combinato il 536 dopo Cristo.

Secondo gli storici in quell’anno si verificò un episodio particolare che ebbe come protagonista una nebbia fittissima. Che per molti mesi oscurò completamente il sole. Per diverso tempo quindi il giorno e la notte erano praticamente identici e le temperature erano davvero basse.

Proprio per questo nell’estate del 536 prese piede una grave carestia, basti pensare che nei mesi solitamente più caldi di sempre arrivò persino la neve e altri cataclismi. Ma chi fu il responsabile di tutto ciò? Secondo gli storici il colpevole fu un vulcano nordamericano che eruttò un anno prima del famigerato 536.

Secondo alcuni scritti dell’epoca inoltre il sole era diventato blu e le temperature giornaliere non superavano i 2 gradi. Di conseguenza grazie al freddo e alla cenere del vulcano non c’era cibo a disposizione. Vi stupite quindi che non sia il 2020, bensì il 536 l’anno definito il peggiore?

Sicuramente anche il periodo storico che stiamo vivendo in questo momento non verrà affatto dimenticato. Ma insomma possiamo stare tranquilli: c’è stato di peggio! E a proposito di 2020: Profezie sul 2020: le più ridicole

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button