Storie

Anna Turaeva, campionessa di powerlift, umiliata in aeroporto

Bruttissima e spregevole disavventura quella subita da Anna Turaeva all’aeroporto, dove le è stato chiesto di dimostrare di essere davvero una donna. Per chi non la conoscesse Anna Turaeva è la campionessa di powerlifting.

Viene dalla Russia e ha dedicato tutta la sua vita a questa disciplina sportiva che le ha cambiato il corpo portandola a uno sviluppo muscolare davvero estremo. Tuttavia il suo cambiamento non giustifica il trattamento terribile ricevuto in aeroporto.

Anna Turaeva umiliata in aeroporto: “Questo è solo il mio stile, con il quale posso sentirmi a mio agio”

Un po’ di tempo fa la campionessa ha vissuto un brutto momento a causa del trattamento ricevuto dai dipendenti della compagnia aerea Utair. La donna era a San Pietroburgo e voleva tornare a casa. Tuttavia una volta arrivata al check in le è stato chiesto di dimostrare di essere una donna.

Il personale l’ha bersagliata di domande intime e private davanti al resto dei passeggeri. E il tutto perché non credevano a ciò che leggevano sul passaporto, ovvero che Anna è una donna. La campionessa alla fine è riuscita a salire a bordo, ma non può dimenticare l’umiliazione ricevuta dal personale della compagnia aerea.

Per questo ha deciso di scrivere una sorta di denuncia social sul suo profilo Instagram in cui ha raccontato tutto. Anche perché non era tenuta a dimostrare assolutamente nulla visto che il passaporto parlava chiaro. Anna Turaeva è una donna e tale si sente al 100%.

Naturalmente poco tempo dopo sono arrivate anche le scuse della compagnia aerea che ha ammesso di averle riservato un servizio inaccettabile. Scuse che francamente lasciano il tempo che trovano e che non mettono nemmeno un cerotto alla ferita inflitta alla campionessa.

Che ha aggiunto di non dover provare niente a nessuno. E che il suo stile, con il quale si sente a proprio agio è quello. Vi invitiamo a leggere un’altra questione che ha scatenato non poche polemiche: Francia, il maestro con troppi tatuaggi crea polemica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button