Attualità

Allerta meteo su molte regioni, chiuse anche le scuole

La fase peggiore dell’ondata di maltempo destinata a colpire il nostro Paese pare sia passata. Nonostante questo la Protezione Civile si è vista costretta a diramare una nuova allerta meteo.

Secondo il meteo.it il peggio è passato, ma la pioggia continuerà ad imperversare sulla Penisola ancora per qualche giorno. Vediamo insieme i dettagli delle nuove previsioni.

Allerta meteo: le regioni colpite dal maltempo

Nelle ultime ore la perturbazione che ha colpito l’Italia si è spostata al Sud. Dove vengono segnalate piogge intense e sparse nelle aree interne della Calabria, della Basilicata e su alcune zone della Puglia.

In Toscana, in Umbria e nel Nordest della Sardegna continua a piovere, ma la situazione al momento è destinata a migliorare leggermente.

Miglioramenti in arrivo anche al Nord, dove è previsto un tempo instabile solamente nelle aree orientali del Friuli Venezia Giulia.

Ma si tratta di un leggero miglioramento destinato a lasciare il posto ad una circolazione ciclonica che colpirà le zone orientali del Nord, l’interno della Toscana, dell’Umbria, del Lazio, della Campania e della Calabria tirrenica.

Sul resto della Penisola sono previste al momenti ampie schiarite. Ma per martedì si attende una nuova perturbazione che andrà a colpire il Nordovest e la Liguria.

La Protezione Civile ha diramato un’allerta meteo per alcune regioni d’Italia: allerta arancione sui bacini marittimi di Levante in Liguria e su qualche zona dell’Emilia-Romagna e della Calabria.

Allerta gialla su Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, sulla maggioranza dei territori calabresi e sui settori nord-orientali della Sicilia.

Rimaniamo in attesa di altre segnalazioni e vi consigliamo di prestare la massima attenzione, soprattutto per coloro che risiedono nelle zone in cui è prevista l’allerta arancione.

Le scuole sono chiuse e si consiglia di uscire solo nel caso in cui ce ne sia reale bisogno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button