Attualità

Texas, vietato bere l’acqua corrente, è infestata da un’ameba “mangia cervello”

In una cittadina texana è proibito bere l’acqua corrente perché infestata da una pericolosissima ameba mangia cervello. Così fino a che il sistema idrico non verrà ripulito, circa 120 mila persone non potranno usare l’acqua del rubinetto se non per pulire i servizi igienici.

L’allarme è scattato dopo la morte di un bambino di 6 anni che ha contratto una gravissima infezione al cervello. Ricoverato in ospedale nel reparto di terapia intensiva, il piccolo è morto dopo due giorni dal ricovero. I sospetti dei genitori e dei nonni si sono rivelati fondati: il bambino si era divertito in uno “slash pad” vicino a casa e aveva inalato un’ameba mangia cervello.

Nell’acqua corrente è presente un’ameba mangia cervello: allarme in texas

Si tratta di un microorganismo pericolosissimo che prende il nome di Naegleria fowleri. Una volta entrato nel cervello provoca una grave infezione che nel 90% dei casi è letale. Fortunatamente in Italia si tratta di un’infezione per niente comune e lo stesso si può dire per gli Stati Uniti.

L’ameba mangia cervello entra nel sistema nervoso dal naso. La si può inalare durante un bagno nel fiume o nel lago, soprattutto quando l’acqua è tiepida o più tendente al caldo. Ma c’è il rischio di inalarla anche facendo lavaggi nasali con acqua del rubinetto o facendo il bagno in una piscina poco pulita.

Il pericolo si manifesta infatti solo se entra dal naso. Se ingerita dalla bocca non è assolutamente pericolosa. L’infezione che provoca si chiama meningoencefalite amebica primaria. Causa vomito, allucinazione, convulsioni e la maggior parte della volte anche la morte.

Proprio per la sua letalità, la Texas Commission on Environmental Quality, ha deciso di diramare un comunicato con cui avvisano i cittadini di Lake Jackson di non bere acqua corrente. Almeno fino a che le autorità non avranno provveduto a effettuare un’accurata operazione di bonifica dei condotti d’acqua.

E fra virus, amebe e altro non c’è proprio da stare tranquilli: Cina, fuga di batteri da un laboratorio: 3.000 casi di brucellosi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button