Curiosità

Accudire due Golden Retriever per 32.000 sterline l’anno

A volte ci imbattiamo in rete in notizie incredibili che ci lasciano a bocca aperta. Solitamente riguardano stravaganti offerte di lavoro a cui ci candideremmo volentieri. Stavolta parliamo di quella in cui si ricerca una persona pronta ad accudire due Golden Retriever.

Per la rubrica “lavoro dei sogni” tanto cara a noi di Filosofia Spicciola, oggi mettiamo insieme 32.000 sterline l’anno e una razza di cani particolarmente amata: il Golden Retriever.

Chi si candida per accudire due Golden Retriever?

Se amate i cani, soprattutto quelli di grossa taglia, non potete farvi sfuggire questa interessante offerta di lavoro. Un’azienda londinese di recruiting è alla disperata ricerca di un dog sitter.

Il compito del fortunato candidato, sarà quello di occuparsi di due meravigliosi cuccioloni di Golden Retriever, Oscar e Milo.

Colui che verrà assunto, andrà ad abitare in una lussuosa residenza a 6 piani situata in uno dei quartieri migliori di Londra: a Kensington.

Il suo compito sarà quello di prendersi cura dei due cani di famiglia. Tutte le loro esigenze saranno a carico del fortunato dog sitter.

Che si occuperà quindi di farli mangiare, di portarli a passeggio e di assicurarsi che non gli manchi mai cibo ed attenzioni.

Ma non solo, dovrà anche gestire i loro appuntamenti, le telefonate dedicate a loro e anche gli ospiti che andranno a trovarli.

E tenetevi pronti, perché la cifra che la famiglia è disposta a sborsare per tutto ciò è di 32.000 sterline all’anno: una somma da capogiro.

I datori di lavoro hanno fatto sapere che occasionalmente al dog sitter saranno richiesti altri lavori: come portare il bucato in lavanderia, cucinare e altre piccole commissioni.

Inoltre oltre allo stipendio da capogiro, la famiglia offre vitto e alloggio nella loro meravigliosa casa a 6 piani, in cui non manca nessun tipo di comfort.

Che ne dite? Qualcuno prova a candidarsi? Ad Aspen cercano invece un Fur Butler, il maggiordomo dei cani: il lavoro dei sogni

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button