Storie

A Palermo è nata una bambina e in ospedale sono arrivati 3 papà

Arriva direttamente da Palermo una notizia di cronaca che, nel giro di poco tempo ha fatto il giro del web. Nel capoluogo della Sicilia, infatti, dopo la nascita di una bambina si sono presentati ben 3 papà.

Una scena davvero imbarazzante e bizzarra, che potrebbe far pensare ad un film o a una serie televisiva. Invece, è davvero ciò che è successo all’ospedale Civico della città. Vediamo insieme i dettagli di questa storia.

Palermo: 3 papà per la nascita di una bambina

Tutti i lavoratori dell’Ospedale Civico di Palermo, qualche tempo fa, hanno dovuto assistere ad una scena davvero particolare. Dalla felicità alla sorpresa, dalla rabbia alla delusione.

Si sa, la nascita di un figlio è uno dei momenti più belli della vita di ogni genitori. Non potranno dire altrettanto i 3 protagonisti di questa storia che, nel giro di pochissimo tempo, hanno attraversato emozioni diverse.

Siamo all’ospedale Civico di Palermo, dove una ragazza di 24 anni è stata ricoverata per dare alla luce la sua bambina. Il parto procede bene e nasce la bambina, tra la gioia della madre e di tutti i lavoratori del reparto.

Dalla gioia, però, si passerà ben presto alla rabbia. Subito dopo il parto, infatti, all’ospedale si sono presentati ben 3 uomini, tutti convinti di essere il padre della piccola.

Riuscite ad immaginarvi lo stupore del trovare gli altri con la stessa loro convinzione? Dopo i primi momenti di sorpresa, la situazione ha iniziato a scaldarsi.

I 3 uomini, tutti classe 1988, hanno iniziato a litigare e dalla parole siamo passati alle mani. È iniziata così una rissa difficile da sedare, tanto che i dottori e gli infermieri sono stati costretti a chiamare le forze dell’ordine.

I Carabinieri sono riusciti a calmare la situazione ed è così arrivato il momento delle spiegazioni da parte della neo mamma. La ragazza, in evidente stato di difficoltà, ha dovuto ammettere chi tra i tre fosse il vero padre.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button